J

Dimmi una cosa amico mio: danzi mai col diavolo nel pallido plenilunio?

20140216-211926.jpg

Moon River

Moon River
Wider than a mile
I’m crossin’ you in style
Some day
Old dream maker
You heart breaker
Wherever your goin’
I’m goin’ your way
Two drifters
Off to see the world
There’s such a lot of world
To see
We’re after the same
Rainbow’s end
Waitin’ round the bend
My huckleberry friend
Moon River
and me.

Fiume di Luna
più ampio di un miglio
Ti attraverserò con stile
un giorno Vecchio creatore di sogni
Tu spezzacuori
Ovunque tu andrai
io seguirò il tuo corso
Due vagabondi
in giro a vedere il mondo
C’è così tanto mondo
da vedere
entrambi cerchiamo la fine
dello stesso arcobaleno
che ci aspetta dietro la curva
Il mio migliore amico
Fiume di Luna
ed io.

Freddo

E ora

amore mio,

è troppo freddo

per percepire,

per avvertire,

quel griogrio-verde

dorato

di luna

nei tuoi occhi.

Image

Segreto

Lascia che ti dica un segreto. 

Ero l’oceano un tempo. Allargavo le mie braccia da paese a paese e quando inclinavo la testa all’indietro, i miei capelli diventavano un milione di sirene addormentate. I Pesci nuotavano dentro di me, attraverso di me. Barche e pescatori galleggiavano dimenticati nelle loro tombe, ai miei piedi.

Ero l’oceano. Poi ho strisciato sulla Sabbia fin sulla Luna. Ora io sono il figlio della Luna, fatta di  sale marino e lische di pesce. Io sono l’oceano che ha deciso di strisciare via e ho coperto la mia pelle con polvere di cometa. Stringo crateri nei palmi delle mie mani come fiori già appassiti, le sirene che un tempo erano i miei capelli si sono svegliate e cantano ora. Chiamano la Luna, le chiedono di poter tornare al loro amato oceano. Ma la luna è silenziosa, si allontana con la sua faccia temporalesca.

Lascia che ti dica un segreto. Lo sussurrerò al tuo orecchio, come le nebbiose onde di mezzanotte.

Ero l’oceano. Il mio sangue era acqua blu e acqua verde, grigio quando le nuvole si facevano pesanti di pioggia. Ero fatto di sale. Ma ho strisciato sulla sabbia nel bel mezzo della notte lasciando il deserto dietro di me. Le sirene stanno morendo e lo spazio è troppo tranquillo e buio. I crateri fanno male come ferite incancrenite.

Sono diventato il Bambino Luna e ho cercato di riempire quei crateri con l’oceano.

Lascia che ti dica un segreto.

Il sale pungeva le mie ferite.

Schermata 2013-08-17 alle 11.47.53

Blog su WordPress.com.

Su ↑