Diagnosi

Quando avevo sei anni, mi dissero che ero affetta da Emozioni.
“Povera bambina” li ho sentiti dire “Non sopravviverà mai a tutto questo.”
Ero distesa sul tavolino dello studio e guardavo il soffitto totalmente bianco, chiedendomi se fosse vero; sentii un bruciore in gola e qualcosa di bagnato scivolarmi dagli occhi giù per il collo.
“Dottore, guardi!” disse mia madre indicandomi “Sta uscendo qualcosa dai suoi occhi!”
Il dottore mi si avvicinò e asciugò le lacrime, mi accarezzò la testa e mi disse “Sono così dispiaciuto”. Tornò a rivolgersi a mia madre. “Sono lacrime. Significa che è triste.”
“Triste?” chiese lei.
“É una delle sue Emozioni. Non attaccano l’organismo come tutte le altre malattie, hanno sintomi totalmente differenti di volta in volta. Ora lei è triste e l’unico modo in cui posso spiegarlo con parole semplici è che si sente giù.”
“Cosa intende con giù?”
“Le sue emozioni possono essere descritte con su-quando si sente bene- e giù-quando sta male. Se ha qualche dubbio su come stia, le chieda se è su o giù, è l’unica cosa che posso consigliarle.”
“…le Emozioni la uccideranno, dottore?” chiese con un filo di voce mia madre.
Restò in silenzio.
“Dottore, me lo dica…”
“Non lo so. Mostrano il suo cuore e questo la rende vulnerabile.”
Mia madre si mise a sedere su una di quelle tipiche sedie asettiche, guardando il pavimento.
“Sono desolato” disse il dottore.

Immagine

Salsedine

A volte quando mi sveglio, prima che il sole sorga, mi sento come come se fossi l’unica persona al mondo.
Poi noto che il mio viso è umido e mi chiedo se sia perché ho nuotato di nuovo con te nei miei sogni.

Mi ricordo di noi nelle notti d’estate sotto le stelle e il calore della tua pelle nella notte fredda. Mi ricordo la fosforescenza dei nostri corpi e di come abbiamo nuotato insieme, la salsedine del mare e le tue dita lungo la mia schiena. Luminosi come stelle nella notte.
Mi ricordo come avrei voluto che durasse per sempre.

Ora mi chiedo se la marea e le mie lacrime siano così diverse, dopo tutto.

Image

Mente

I consigli dei Grilli Parlanti, evaporati. Tutto ciò che rimane: gocce di rugiada, lacrime; una memoria intatta; due sillabe sibilanti attraverso labbra serrate, da sciogliere delicatamente.

Per favore, tocca la mia mente, anche inappropriatamente.Immagine

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑