penzolo nell’aria
come le stelle

una corda lenta
argento scintillante

dimentico il tuo nome
e il mio

sono il silenzio
l’aria leggera che aleggia
sul tuo sonno

il calore sale e sende
sotto le ombre degli olmi

sei tu
sono io
dipingiamo noi stessi
contro il cielo

il giorno di pioggia
si fonde con i tetti
e gocciola canzoni

con una vibrazione di labbra
sulla mia pelle umida
prometti sogni

intreccio

Annunci