Quando il cielo è alto e il mare è profondo, quando il vento canta e le stelle sospirano; quando gli alberi sussurrano segreti di vita alle orecchie di chi sa ascoltare e quando la terra si scalda al primo sole. Sono questi i momenti in cui conosco, in cui posso raccontare. I momenti tra il silenzio e il respiro delle parole, in cui il tempo si ferma, la penna si sospende, le frasi non scorrono ma piuttosto si intasano e si piegano su se stesse.

Sono questi gli attimi in cui capisco.

É il momento in cui ti svegli e il tuo primo movimento non è quello di allungarti o sbadigliare, risvegliare i muscoli assopiti, ma di tirarmi più vicina a te e al calore del tuo collo.
É il momento in cui il pomeriggio si placa e il rumore della vita si quieta, quell’istante in cui mi guardi e trasformi un banale minuto in qualcosa di straordinario.
É quando estendo il mio pensiero fino ai confini del mondo e riconosco che non potrò mai trovare qualcosa di simile. Nel calore del deserto, nel cuore della foresta, sulla montagna più alta, nel più profondo dei mari…non riuscirò mai a trovare un gioiello così bello e prezioso quanto quello che mi stringe la mano durante la notte.

Sono queste le emozioni che si gonfiano nel mio stomaco e schioccano le mie ossa mentre crescono, che riorganizzano le mie cellule e creano, cuciono, guariscono i miei pezzi sgualciti. Scaldano il mio cuore d’inverno, raffreddano il dolore dell’estate, calmano la mia anima inquieta, bagnano la mia fronte e dissetano la mia lingua con la promessa di acqua perenne.
Sono la bellezza della falce di luna, la normalità dei raggi del mattino. Sono eteree e ordinarie, perfette e imperfette, il tutto in un istante.

L’incomprensibile e l’impossibile e l’incorreggibile.

Non riesco a definire, non posso spiegare, sono incapace di mostrare e inefficace nel descrivere.
Prendete le parole e deglutitele, avvolgete la mente intorno ai millenni di cuori che battono allo stesso ritmo del mio:

sono innamorata

sono innamorata

sono innamorata.

A taste of dawn

Annunci