Portone

Il tuo è un bel portone, di quelli che si notano subito, fuori dagli schemi. É blu tanto per cominciare, quel bel blu cielo vespertino – che è il mio colore preferito – e i vetri sono decorati con ghirigori di fiori bianchi. Mi piace davvero, l’ho osservato bene.
Ma dimmi, perchè mi tieni fuori? Perchè non vuoi farmi entrare anche solo per un caffè?  Ci sono giorni in cui credo di vedere un po’ di luce filtrare da uno spiraglio tra i battenti, così dò una sbirciatina e mi azzardo a bussare. Altri giorni spalanchi le porte e gridi “Accomodati, fa come fossi a casa tua!” e allora sono io che presa di sorpresa divento titubante e indugio sull’uscio. Altre volte trovo proprio chiuso, serrato, un cartello con scritto “scusa” e nessuno zerbino col benvenuto.
Cosa devo fare dimmi tu perchè non lo so. Mi sembra di vivere una storia già vissuta, la cosa mi spaventa.
So che vuoi che ti creda il gemello di Superman, l’uomo che ha fatto sua la vita e che non ha bisogno di niente. Ma mi viene il dubbio che sia tu quello che deve crederlo, che non si può fermare un attimo a pensare a cosa sta facendo altrimenti si scoprirebbe vulnerabile.
Lo sei, sei vulnerabile come tutti gli esseri umani. Te lo dico io, fidati.
Allora permettimi di scostare i cuscini e accoccolarmi con te sul letto anche metaforicamente, tanto materialmente lo faccio già.
Ma se non vuoi farmi entrare, dimmelo subito e dimenticherò il tuo indirizzo e il tuo bel portone.

rodney smith

Quando si chiude una porta, apri un portone. O semplicemente puoi riaprire la porta chiusa. Perché è così che funzionano le porte.

15 risposte a "Portone"

Add yours

      1. Il padrone di casa gioca in casa, ha paura di perdere lo scettro unico di cui dispone, ma in realtà cerca di abbattere questo muro e condividere le sue paure, per questo il portone a volte resta chiuso e a volte è spalancato. È il vento tormento ad agire. 😉

    1. Beh, io penso che il fatto di essere ancora lì vuol pur dire qualcosa, che non è il momento di smettere di crederci. Quando e se non varrà più la pena ce ne accorgeremo, spero, e dovremo essere abbastanza forti da non voltarci indietro.

      1. Non lo so..è un continuo rimanerci male,stare male..ne vale la pena? Fermi davanti a un portone che stenta ad aprirsi mentre la vita scorre alle nostre spalle senza fermarsi

Rispondi a unododici Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: