Nonna

Mia nonna non smette mai di stupirmi, sia negativamente che positivamente intendo. 

Oggi, per esempio, se ne stava in poltrona zitta zitta, buttando ogni tanto gli occhi azzurri al soffitto e sorridendo sotto i baffi. Incuriosita da questo comportamento atipico (la tv spenta dopo pranzo? quando mai!), le ho chiesto come mai fosse così sogghignante.
Mi ha guardata da dietro le sue rughe e “Bimba” mi ha detto “alla tua età io ero già mamma.”

BAM

Chi ha avuto a che fare con una nonna sa che questi discorsi sono come il vaso di Pandora, che se scosti un attimino il velo dei ricordi ecco che una miriade di parole e aneddoti parte dal cuore ed esce inevitabilmente dalla bocca. Anche cose che non vorresti mai sentirti dire, in questo caso che quando stava per partorire mio padre e aveva la cervice dilatata di tre centimetri si è dovuta fare a piedi un bel pezzo di strada per arrivare all’ospedale e che manca poco lo fa in strada.
E che le zie di mio babbo, appena nato, lo volevano buttare in un fosso (no no, non figuratamente) per quanto era brutto, piccino, secco e con le croste.
Oppure anche che lei ha salvato l’onore arrivando vergine al matrimonio, cosa che diverse sue sorelle non hanno fatto, e che adesso prega per me affinché anche io segua la sua strada. Finchè continua a crederlo, va bene così.
E per finire, c’è sempre la domanda più odiosa di tutte, quella che ti fa saltare il nervo ottico come una molla: “Ma che aspetti a sposarti?”. Me lo chiede ogni volta che ha l’occasione. Ha già pronta la dote di asciugamani e lenzuola con le cifre ricamate che mio padre non ha voluto portarsi a casa dopo il matrimonio, ma tanto ho le sue stesse iniziali.
Il fatto è che il mio fidanzatino ha un lavoro del cavolo e che odio profondamente che però è ben retribuito e quindi questo per lei, che ha vissuto con lo stipendio di mio nonno per tutta la vita, basta e avanza per assicurarmi un futuro roseo da casalinga disperata.
E poi, su tre nipoti femmine che le sono venute fuori, l’unica che è abbastanza stabile mentalmente per potersi fare una famiglia normale sono io e sta puntando tutto su questo con tattiche psicologiche tipo “Chissà se riuscirò a vedere il tuo matrimonio” o “Mi piacerebbe vedere i nipotini che verrebbero fuori da te, che sei così bella”. 

Mi sono dileguata con nonchalance, lasciando che il soffitto parlasse per me. 

10 risposte a "Nonna"

Add yours

      1. Le cose vengono da sole, con la dovuta calma…magari domani mi lascia, chi lo sa! Oppure avremo un mucchio di bambini e diventerò una matrona che passa le giornate a cucinare dolci.

Rispondi a luporenna Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: